Home ABC Informatica Basi di dati Teoria - Seconda forma normale
Teoria - Seconda forma normale
Indice
Teoria
Modellazione dei dati
Il modello E/R
Regole derivazione modello logico
Le basi di dati
Modelli di database
Prima forma normale
Seconda forma normale
Terza forma normale
Integrità referenziale
La gesetione del database
Il linguaggio SQL
Tutte le pagine

Seconda Forma Normale o Forma Normale di Boyce-Codd (BCNF)

Una relazione è in seconda forma normale (2FN) quando è in prima forma normale e tutti i suoi attributi non-chiave dipendono dall’intera chiave, cioè non possiede attributi che dipendono soltanto da una parte della chiave. La seconda forma normale elimina la dipendenza parziale degli attributi dalla chiave e riguarda il caso di relazioni con chiavi composte, cioè formate da più attributi.

 

Utilizzando la simbologia descitta nelle definizioni precedenti di dipendenza, il passaggio alla seconda forma normale si schematizza nel seguente modo:

 

Esempio di relazione

 

R1(A1,A2, A3, A4, A5)

 

Con (A1,A2)àA3

A1àA4

A2àA5

 

Non è in 2FN, e può essere trasformata nelle seguenti relazioni in 2FN

 

R21(A1,A2, A3)

R22(A1, A4)

R23(A2, A5)

 

Il processo attraverso il quale la struttura della relazione è stata trasformata in tre nuove relazioni rappresenta il significato del termine normalizzazione.

Si deve osservare che la normalizzazione diminuisce la ridondanza dei dati e la possibilità di inconsistenza, ma rende più complesse le operazioni di ritrovamento dei dati perché le query devono abbracciare più tabelle.